Pubblicato il

Pillole di Webbit 2004

Ehi, questo post è un contenuto vintage. Risale a più di 19 anni fa: può contenere informazioni errate e non attuali.

Webbit - Padigline 8

Rispetto alla scorsa edizione un po’ pi? fiera, ma sempre Webbit: tre giorni a Padova, che riassumo attraverso i seminari che ho trovato pi? interessanti.

Semantic Web: un approccio concreto

Il mio Webbit ? iniziato bene: Paolo Castagna mi guida attraverso le idee di fondo del web semantico e le sue risposte alle mie ripetute domande mi chiariscono definitivamente che il semantic web ha poco a che fare con l? intelligenza artificiale.

I suoi interventi al Webbit sono disponibili sul suo sito.

La rivoluzione del Semantic Web per la gestione dei sistemi informativi

The bane of my existence is doing things I know the computer could do for me.

A partire dall?affermazione di Dan Connolly che riassume le intenzioni del semantic web, Andrea Rota illustra come l?aggiunta di relazioni semantiche tra dati possa portare vantaggio nel lavoro di tutti i giorni, anche in applicazioni Office-like. Interessante la webliografia da lui proposta: per chi vuole capire come il semantic web potrebbe tradursi in realt?.

Tecnologie assistive: il computer senza barriere

Silvia Dini parla sorridendo di problemi importanti e trasmette l?idea che si possono affrontare con successo. La sua presentazione ? una ghiotta occasione per chi si chiede quali siano le tecnologie e gli strumenti che permettono ad un disabile di usare un computer. C’? anche uno scanner parlante con OCR integrato!

La parola vestita: tipo-grafica per il web

Con una presentazione curata e dai contenuti chiari, Letizia Bollini illustra le basi della tipografia sul web. Avrei gradito maggiori approfondimenti: forse pi? webdesigner italiani dovrebbero sapere dell?esistenza di IFR.

Il card sorting nella valutazione dell?usabilit? dei siti Web

Stefano Bussolon spiega come utilizzare il card sorting per ottimizzare il modo in cui le informazioni sono disposte in un sistema e quindi per migliorarne la findability.

Per saperne di pi?:

Il profumo dell’informazione. Usabilit?, navigazione e semantica

Le teorie che Maurizio Boscarol presenta sono interessanti: si basano sull?idea che gli utenti navigano seguendo una sorta di profumo dell?informazione, che ad ogni passo li porta pi? vicini all?obiettivo. Anche se interessanti, qualche dubbio sulla loro utilit? pratica rimane: un pulsante non raggiungibile perch? lo schermo ? troppo piccolo pu? essere un grosso limite all?usabilit?, ma nessuna delle teorie presentate lo rileva.

Precedente

Successivo

Sono Silvano Stralla. Faccio lo sviluppatore, mi piace fare fotografie e pedalare biciclette.
Se vuoi, puoi scrivermi a silvano.stralla at sistrall.it.
Questo sito è fatto a mano, con amore, a Torino (Italia).

© 2002—2024 Silvano Stralla