Pubblicato il

Certi giorni...

Ehi, questo post è un contenuto vintage. Risale a più di 19 anni fa: può contenere informazioni errate e non attuali.

Premessa: era un bel po’ che non rompevo un vetro, un bicchiere, qualcosa di fragile insomma.

Ieri a pranzo: mentre poso la bottiglia del vino sul tavolo, passo troppo vicino al bicchiere, lo “tocco” e lo scheggio. Mi alzo per prenderne un altro, ma tirandolo fuori dal mobile, “tocco” l’antina di legno ed ? fatta. Fuori due. Col terzo ? andata meglio.

Nel pomeriggio: passando sul pianerottolo sfioro uno dei tanti barattoli vuoti che aspettano solo di essere portati in cantina. Si rovescia, rotola sul pavimento lentamente, lo tocco mentre cade sul primo scalino, illeso. Con balzo da giaguaro quasi lo prendo quando carambola sul secondo, indenne. E’ intatto al penultimo gradino della scala. Mi illudo. Ma ? un attimo: va in mille pezzi quando arriva in fondo.

Di notte: mi infilo nel letto. Apro il libro di turno e comincio a leggere; mezz’ora passa senza che me ne accorga e, quando arriva il sonno, lo poso di fianco al letto.

Questa mattina: mi sveglio, apro gli occhi. Il mondo ? un po’ diverso: una strana striscia verticale sospetta lo divide in due. Ho addosso gli occhiali! Una lente ? spezzata nel mezzo!

Era da tanto che volevo cambiarli…

Precedente

Immagini random (o quasi)

Successivo

Gli auguri, e...

Sono Silvano Stralla. Faccio lo sviluppatore, mi piace fare fotografie e pedalare biciclette.
Se vuoi, puoi scrivermi a silvano.stralla at sistrall.it.
Questo sito è fatto a mano, con amore, a Torino (Italia).

© 2002—2024 Silvano Stralla